Città del Perù

blog-single-image

Il Perù è conosciuto per i suoi siti archeologici e le sue bellezze paesaggistiche. Machu Picchu, le linee di Nasca, le Saline di Maras… Sono queste le attrattive che colpiscono di più il visitatore.

Che dire invece delle sue città?

A partire da Lima, sul livello del mare, fino a raggiungere Puno a quasi 4000 metri di altezza: seguiteci in questo viaggio di scoperta delle città del Perù. Da ricordare che le piazze principali in tutte le maggiori città peruviane si chiamano Plaza de Armas, quindi è facile confondersi tra una e l’altra.

Lima

La capitale, Lima, si affaccia sull’Oceano pacifico. Il nucleo storico della città è un reticolo di vie che risalgono al XVI secolo ovvero l’epoca di Francisco Pizarro. Edifici in stile coloniale e barocchi si trovano in particolare nella Plaza de Armas (detta anche Plaza Mayor), dove al centro spicca una fontana di bronzo che data 1650. Vicino, sulla via Jirón de la Unión, si trova la Iglesia della Merced, costruita in origine nel Cinquecento.

Il quartiere di Miraflores, che si affaccia sul mare, è il centro moderno della capitale, famoso per la sua gastronomia e ricco di negozi e locali notturni. Il cocktail più famoso da sorseggiare è il Pisco sour, a base di vino, bianco d’uovo e succo di limone.

Cusco

L’antica capitale inca, Cusco o Cuzco è considerata la capitale archeologica delle Americhe. Cusco è infatti la porta d’ingresso a Machu Picchu, famosissimo e affascinante sito Inca che ancora intatto si preserva sulle montagne. Il cuore della città è Plaza de Armas (omonima di quella a Lima), dove svettano la bandiera rossa e bianca del Perù e quella con i colori dell’arcobaleno che rappresenta l’impero Inca. La piazza è circondata da portici coloniali ed è dominata dalla cattedrale, costruita attorno al 1560 con blocchi di pietra sottratti al vicino sito inca di Sacsaywamán.

Puno

Sul lago Titicaca, a quasi 4000 metri di altezza, Puno è il centro del folclore peruviano soprattutto durante le sfilate in occasione della festa Virgen della Candelaria. Città un po’ frenetica e commerciale, è però facilmente visitabile e piedi e ha un fascino che conquista. Da qua partono le escursioni su Lago Titicaca, dove si incontrano le isole degli Uros costruite con canne galleggianti.

Da non perdertro del folclore peruviano. erminiamo questa carrellata di città peruviane con Trujillotri silenziosi. erù.e la Casa del Corregidor, la Catedral de Puno, il Museo della Coca e il Museo Carlos Dreyer.

Arequipa

La città bianca coloniale Arequipa è dominata da tre vulcani e gode di una posizione magnifica. Dal 2000 il centro storico è patrimonio UNESCO, ma ancora più interessante è il Monasterio de Santa Catalina, un monastero in stile coloniale che occupa un intero quartiere. Cinto da mura imponenti, è una degli edifici religiosi più importanti e interessanti del Perù. Fu fondato nel 1580 da una vedova benestante, e si può visitare in autonomia perdendosi tra le viuzze e i chiostri silenziosi. Al centro del Chiostro delle Novizie sorge un albero di gomma mentre quello degli aranci porta il nome delle piante che fioriscono al suo interno.

Trujillo

Risaliamo a nord sulla costa pacifica e terminiamo questa carrellata di città peruviane con Trujillo. Con vistosi palazzi e tante chiese, le strade coloniali di Trujillo offrono alla vista toni color pastello e splandide grate in ferro battuto. Nella piazza principale si trova un’imponente statua dedicata al lavoro, alle arti e alla libertà, oltre ai variopinti edifici coloniali.

Vi abbiamo convinti a visitare le città del Perù?

Contattate Mundo Escondido per un preventivo di viaggio in Perù.

blog-single-image